Le epiche statistiche di Tony Snell dovrebbero ricordare alla star dei Blazers Damian Lillard che gioca con una leggenda

I Portland Trail Blazers hanno a che fare con una serie di infortuni. Damian Lillard ha saltato diverse partite dopo essersi fatto un’iniezione di cortisone nell’addome. CJ McCollum ha un polmone collassato. Anfernee Simons, Cody Zeller e Nassir Little hanno i loro problemi di salute.

Con questi corpi fuori, i Blazers potrebbero usare ogni minuto produttivo che possono ottenere da tutti i giocatori attivi nel roster. Tony Snell è un’eccezione, però, almeno mercoledì sera.

https://twitter.com/TheHoopCentral/status/1469034995528257537

Il veterano swingman ha deciso di fare jogging intorno al Chase Center per 12 minuti nella non sorprendente sconfitta dei Blazers contro i Golden State Warriors. Dicono che il fulmine non colpisce due volte lo stesso posto, ma Snell non è un caso normale.

Il veterano swingman è famoso per la stessa impresa che ha ottenuto come membro dei Milwaukee Bucks. In un match del 2017 con gli Utah Jazz, Snell ha organizzato un gioco perfetto con numeri sbalorditivi di zero punti, zero rimbalzi, zero assist, zero palle rubate e zero blocchi in 28 estenuanti minuti per i fan dei Bucks.

È davvero padrone di questa distinzione e sta scappando via con essa.

In tutta serietà, Tony Snell non durerebbe nove stagioni nella NBA se la sua unica abilità consiste nell’essere improduttivo. Le statistiche non possono misurare la sua vera grandezza, ma cinque squadre, finora, hanno visto abbastanza valore nello swingman di 6 piedi e 6 per metterlo sul loro libro paga.

Dopotutto, questo è lo stesso ragazzo che ha terminato un’intera stagione con una linea di tiro (51-57-100) che farebbe sembrare Stephen Curry, Ray Allen e Steve Nash tiratori mediocri.

Deja un comentario

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *