RUMOR: Goran Dragic si è diretto a Mavs per unirsi a Luka Doncic durante l’imminente uscita dei Raptors?

Così com’è, sembra che Goran Dragic abbia giocato la sua ultima partita con l’uniforme dei Toronto Raptors. Il 35enne è attualmente lontano dalla squadra a tempo indeterminato poiché si occupa di questioni personali nel suo paese d’origine, la Slovenia. Uno scambio o un’acquisizione sembra incombere e in questo momento, i Dallas Mavericks[canotte basket Dallas Mavericks poco prezzo] sono emersi come i favoriti per atterrare Dragic se e quando si separerà dai Raptors.

Secondo l’insider NBA Ira Winderman del Sun Sentinel, Dragic è personalmente incline ad unirsi al suo connazionale, Luka Doncic, a Dallas:

La sensazione è che Goran si faccia strada verso la sua opzione preferita (e più praticabile) dei [Dallas] Mavericks, per chiudere la stagione insieme al connazionale sloveno Luka Doncic. Ma capisci anche che questo non è l’equivalente di John Wall che insiste per giocare come titolare a Houston. Goran si è già dimostrato suscettibile di un ruolo in panchina, qualcosa in cui ha prosperato con gli Heat.

Dragic ai Mavs sembra un buon affare per Dallas. Come afferma il rapporto di cui sopra, Dragic ha dimostrato di essere una risorsa preziosa per la seconda unità. Il veterano di 35 anni può ricoprire entrambe le posizioni di guardia, il che darà all’allenatore dei Mavs Jason Kidd una maggiore flessibilità in termini di utilizzo di Dragic dalla panchina.

A questo punto, però, Dragic ai Mavs è tutt’altro che una garanzia. Dragic dovrà prima risolvere le cose con i Raptors, che da parte loro stanno ancora cercando di ottenere quanto più valore possibile dall’ex All-Star. Mentre sembra sempre più probabile che questa situazione finisca con un accordo di buyout, i Raptors sono ancora entusiasti di un potenziale scambio per Dragic.

Dragic è arrivato a Toronto la scorsa estate come parte dell’accordo che ha mandato Kyle Lowry ai Miami Heat. La guardia combinata di 6 piedi-3 non ha mai trovato il suo ritmo con i Raptors e alla fine ha deciso di lasciare la squadra forse come un modo per cercare di uscire da Toronto.

Dragic ha trascorso sette stagioni a Miami, dove ha giocato alcuni dei migliori basket della sua carriera. Fu con gli Heat che ottenne la sua prima e unica apparizione all’All-Star durante la stagione 2017-18. È una figura molto amata anche a Miami, motivo per cui molti fan erano tristi di vederlo andare via durante l’offseason.

In quanto tale, anche una riunione con gli Heat rimane un’opzione per Dragic. Winderman nota che dovrà intraprendere un percorso complesso per tornare a South Beach, ma che il ritorno di Dragic agli Heat rimane fattibile:

Innanzitutto, a causa delle regole che impediscono alle squadre di utilizzare gli stipendi dei giocatori negli scambi con un accordo di riacquisizione, gli Heat non possono acquisire Goran direttamente dai Raptors. Oltre a ciò, con l’ultimo accordo di separazione, è evidente che Toronto vuole almeno lasciare aperta l’opzione commerciale, non importa quanto sia improbabile questo risultato. Anche dopo un buyout, Goran non ha potuto rifirmare con gli Heat in questo anno di salary cap (fino alla fine di giugno). Fondamentalmente, l’NBA non consente che il sistema venga giocato in quel modo… E, sì, gli sarebbe permesso di firmare di nuovo con gli Heat in offseason”.negozio canotte basket poco prezzo

Gli Heat probabilmente accoglierebbero Dragic di nuovo la prossima estate, soprattutto considerando come potranno ingaggiarlo come free agent. Se Dragic vuole davvero tornare a Miami, il suo potenziale trasferimento ai Mavs nel frattempo non sarebbe altro che una sorta di noleggio di mezza stagione.

Deja un comentario

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *