2 punti chiave quando i Raptors perdono contro i Warriors

I Toronto Raptors hanno giocato contro la squadra con il miglior record del campionato, e si è visto.

Mentre ci sono stati alcuni momenti impressionanti, per lo più alimentati da uno sforzo vivace in panchina, i Raptors sembravano ampiamente surclassati dai Golden State Warriors, la loro iper-attenzione su Stephen Curry ha permesso prestazioni di tiro roventi di Andrew Wiggins e Jordan Poole che alla fine hanno portato a il loro destino.

I Raptors hanno perso quattro delle ultime cinque partite. Passano a un record complessivo di 8-10 e sono 6-4 in trasferta. Mercoledì giocheranno la loro ultima partita di questo viaggio sulla costa occidentale, fermandosi brevemente in Indiana prima di tornare a casa.

Ecco un paio di cose da asporto chiave della notte che è stata.

Toronto Raptors Takeaways contro Warriors

2. Scottie Barnes è ancora un novellino

Si è vero. Scottie Barnes è davvero mortale.

Questo non è stato il primo gioco in cui è apparso in quel modo, ma potrebbe essere stato il più ovvio. Per tutta la notte, è sembrato insicuro di sé, mettendo in discussione tutte le sue decisioni e cercando dove inserirsi al meglio. Allo stesso tempo, era anche meno energico del solito, apparendo appesantito dal suo primo lungo viaggio in NBA.

C’è da aspettarselo, però: non solo Barnes è semplicemente un debuttante, soggetto all’inevitabile Rookie Wall e ai crescenti dolori generali di essere un nuovo arrivato nella lega di basket più dura del mondo, ma sta anche giocando un ruolo molto più significativo di quello che ha fatto nella sua ultima stagione universitaria. A Florida State l’anno scorso, ha giocato un totale di 595 minuti. In questa stagione, attraverso 15 partite con Toronto, ha già totalizzato 530 minuti.

“Beh, giocherà molto di più”, ha detto l’allenatore Nick Nurse ai giornalisti dopo la partita. “Giocherà molti minuti. È molto, molto giovane e ha bisogno del tempo in campo per migliorare”.

Oltre a ciò, lo stato di rookie di Barnes significa che sta ancora cercando di capire il suo posizionamento nella gerarchia offensiva della squadra. Il suo talento significa che probabilmente può assumere un ruolo un po’ più grande di quello che ha avuto finora, qualcosa che Nurse ha espresso, ma evidentemente non desidera disturbare i marcatori affermati della squadra, specialmente come qualcuno il cui gioco è basato sull’altruismo regia.

“Penso che fosse un po’ piatto per iniziare, ma ha tenuto duro”, ha aggiunto l’infermiera. “È importante che non abbia lasciato che cavalcasse per tutta la partita. È diventato aggressivo, ha preso un paio di colpi, ha iniziato ad andare al cerchio, e puoi solo dire così tante volte che è più di quello che vogliamo che sembri è prendere e sparare a quelli, perché sono lì a ritmo e se ha la possibilità di aprire una corsia e arrivare laggiù ed essere grande sul cerchione, fallo”.

Contro i Warriors, Barnes ha visto anche molto Draymond Green, il che gli ha fornito numerose esperienze di apprendimento. Qualcosa che, sebbene forse difficile da guardare ora, gli farà bene a lungo termine.

Questo è solo l’inizio del viaggio di Barnes come membro dei Raptors, e sicuramente ci saranno molte altre serate come quella di domenica a venire. Ma ehi, questa è la vita da rookie nella NBA, anche per uno dei migliori.

1. La panchina dei rapaci è in fiore

Una nota positiva, la panchina dei Raptors ha giocato ancora abbastanza bene domenica.

Dopo una prestazione di rimbalzo l’ultima volta, il pino ha fornito 38 punti, con Dalano Banton e Precious Achiuwa in testa e combinati per 19 di quel totale.

“Cerchiamo di entrare, giocare con molta energia, correre su e giù per la pista”, ha detto Achiuwa. In panchina, siamo molto più giovani, quindi entriamo cercando di prendere il ritmo del gioco, giochiamo velocemente, transizioni, giochiamo in difesa, usciamo e corriamo e fondamentalmente portiamo molta energia.

Banton, in particolare, era affascinante. Era probabilmente il miglior giocatore di Toronto al di fuori di Pascal Siakam, entrando nel gioco e fornendo immediatamente la scintilla attraverso un cambio di ritmo per cui è diventato famoso.

Ma non solo ha spostato il gioco in una marcia diversa, lo ha fatto aggiungendo un paio di nuovi elementi, principalmente alcuni jumper lisci fuori dal dribbling, un paio dei quali sono arrivati ​​nella fascia media e un altro da oltre l’arco. Sono stati i complementi perfetti per la sua regia (tre assist), trovando Achiuwa più volte e formando quello che sembra essere l’inizio di una bella chimica a due.

Nonostante i Raptors alla fine abbiano perso la partita di 15 punti, Banton ha chiuso con un più sette in 20 minuti, il punteggio più alto della squadra.

L’affidabilità imprevista di Banton è stata cruciale per Toronto in questa stagione e la vista di un gioco offensivo in espansione dovrebbe far stordire tutti.

Deja un comentario

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *