Julius Randle ha fatto esplodere per la stagione deludente dall’ex allenatore dei Knicks

Sembra che i New York Knicks stiano finalmente facendo il loro passo in questa stagione. Hanno vinto sette delle ultime 10 partite e stanno facendo progressi nella classifica della Eastern Conference. Tuttavia, i Knicks sono lontani da dove avrebbero dovuto essere a metà stagione.

Julius Randle è stato una parte fondamentale del recente successo di New York. Ma anche lui non è stato così dominante come lo era la scorsa stagione, il che è in parte una delle ragioni per cui i Knicks non sono stati all’altezza delle aspettative finora. La sua performance in questa stagione è stata a volte brutale, il che ha attirato un sacco di critiche.

Jeff Van Gundy, che ha trascorso 14 anni come allenatore dei Knicks, di cui sette come capo allenatore, ha criticato Randle per il suo linguaggio del corpo in campo e la mancanza di responsabilità personale dopo aver detto ai fan di stare zitto con il pollice in giù. Anche Kenny Smith e Charles Barkley hanno parlato del suo movimento con il pollice in giù.

Randle sa che i Knicks hanno lottato duramente per la loro stagione, ma è stato anche sincero riguardo ai suoi pensieri verso i fan e gli odiatori dei Knicks che li stanno escludendo. Sebbene la situazione con i fan sia stata appianata, ha ancora molto da dimostrare sul campo. Deve continuare a giocare bene per dimostrare di non essere stato un successone la scorsa stagione.

Dopo aver fatto colpo acquisendo Cam Reddish dagli Atlanta Hawks, i Knicks sono pronti per continuare a giocare e possibilmente tornare nel quadro dei playoff.

Il messaggio di Klay Thompson prima del tanto atteso ritorno di Warriors dovrebbe spaventare l’NBA

Mancano solo pochi giorni al tanto atteso ritorno di Klay Thompson ai Golden State Warriors[canotte basket Golden State Warriors poco prezzo]. Si unirà nuovamente alla formazione titolare di un favorito del campionato.

Il riacclimarsi all’NBA è già abbastanza motivante, così come aiutare una squadra con legittime aspirazioni al campionato. Thompson ha ancora più materiale per alimentare il suo fuoco. Dopo essersi riabilitato per così tanto tempo, il cinque volte All-Star di Golden State vuole mostrare a tutti che è ancora uno dei migliori giocatori della lega. Stephen Curry capisce come Thompson sia motivato dalla sua situazione.

Per Nick Freidell di ESPN:

“Sono entusiasta di uscire e dimostrare alle persone chi sono”, dice Thompson. “So che se ne sono dimenticati perché sono fuori da due anni, ma non sono mai stato così affamato di vedere quelle cose. Mai stato più affamato. E il modo migliore per vendicarsi è vincere. Sul serio.”

Questo è esattamente ciò su cui stanno puntando Curry e il resto dei Warriors – e questo è il messaggio che Splash Brother aveva per l’altro.

“È fuori dal suo controllo”, ha detto Curry. “L’ha rapidamente trasformato nel tipo di situazione da carburante al fuoco. Ma è anche, per lui, essendo stato lontano dal gioco per così tanto tempo, è tipo: “La gente ha dimenticato quanto sono bravo”. Quindi questa è la sua missione: ricorda alla gente. ”

La fame di Thompson dovrebbe spaventare le squadre avversarie. Il ritorno di Thompson da parte dei Warriors aggiunge più potenza di fuoco a un attacco e una difesa fiorenti, che dovrebbero già essere abbastanza intimidatori. La motivazione che Thompson e i suoi compagni di squadra ottengono dai dubbiosi dà a Golden State un vantaggio ancora più grande.negozio canotte basket poco prezzo

Curry e Draymond Green riavere il terzo membro del trio di stelle dei Dubs darà a Golden State una grande possibilità di tornare alle finali NBA. Il secondo Splash Brother dei Warriors debutterà domenica in una partita casalinga contro i Cleveland Cavaliers.

La star dei Lakers LeBron James parla del “cambiamento” che deve accadere per migliorare i cerchi HS

Molto prima che si unisse ai Los Angeles Lakers, una volta LeBron James era probabilmente il più grande prospetto di basket del liceo di tutti i tempi.

Non solo, ma ha anche avuto la possibilità di guardare da vicino i suoi figli Bronny e Brice mentre forgiano i propri percorsi sul circuito HS hoops.

Quei fatti freddi e duri danno alla stella dei Lakers una certa credibilità in termini di esprimere la sua opinione su come migliorare il gioco a livello amatoriale.

LeBron James ha condiviso esattamente questo in risposta a un tweet dell’allenatore del liceo di Cleveland Cam Joyce della Saint Ignatius High School. Joyce ha parlato della sua esperienza in un torneo della California HS, dove usano un cronometro da 35 secondi, qualcosa che non è stato integrato in oltre l’80% degli stati degli Stati Uniti, incluso lo stato di origine di LeBron dell’Ohio.

“SONO ASSOLUTAMENTE D’ACCORDO!! Ho giocato a palla HS in Ohio e ora i miei ragazzi giocano a palla a Cali”, ha affermato la star dei Lakers. “Il ritmo del gioco è semplicemente migliore e migliora effettivamente le menti dei bambini! Questo CAMBIAMENTO deve avvenire ora in Ohio il prima possibile!”

Se c’è un atleta che potrebbe influenzare un intero stato per cambiare i suoi regolamenti sportivi, probabilmente sarà LeBron James con lo stato dell’Ohio. Al momento solo otto stati usano una qualche forma di cronometro per i cerchi delle scuole superiori. Se la superstar dei Lakers potesse fare a modo suo, probabilmente aumenterebbe un po’ quel numero, o per lo meno aggiungerebbe il suo stato d’origine alla lista.