GUARDA: La star degli Hornets, LaMelo Ball, diventa Shaqtin pieno di auto vicolo fallito-oop

LaMelo Ball non è mai il tipo che si accontenta dell’ordinario. Questo è esattamente il motivo per cui la star di Charlotte Hornets ha fatto un audace tentativo di auto alley-oop in contropiede contro gli Orlando Magic mercoledì. Sfortunatamente per lui, la sua esibizione ha portato a un gioco pasticcio degno di Shaqtin a Fool.

Ecco lo stallone degli Hornets con la sua audizione fallita per il prossimo Dunk Contest di questa stagione (h/t SportsCenter su Twitter):

Ad essere onesti, sarebbe stato un gioco da evidenziare se fosse andato tutto bene. Beh, non è andata così e chiaramente non è andata bene con l’allenatore degli Hornets James Borrego. Il tiratore di Charlotte ha immediatamente segnalato alla panchina mentre decideva di portare Ball fuori dal gioco per le sue buffonate.

Anche la panchina degli Hornets ha reagito al tentativo di schiacciata fallito di Ball. È stato Terry Rozier a fare il check-in per sostituire Ball e sapeva cosa sarebbe successo anche prima che l’allenatore Borrego chiamasse il suo numero. Potresti quasi sentire i sospiri esasperati dei giocatori sulla panchina di Charlotte dopo quel grattacapo della loro superstar.

Questa dovrebbe essere una dura lezione per Ball. Poi di nuovo, il suo brio e la sua stravaganza che lo rendono così divertente da guardare, quindi immagino che questo non gli farà troppo male.

2 punti chiave quando i Raptors perdono contro i Warriors

I Toronto Raptors hanno giocato contro la squadra con il miglior record del campionato, e si è visto.

Mentre ci sono stati alcuni momenti impressionanti, per lo più alimentati da uno sforzo vivace in panchina, i Raptors sembravano ampiamente surclassati dai Golden State Warriors, la loro iper-attenzione su Stephen Curry ha permesso prestazioni di tiro roventi di Andrew Wiggins e Jordan Poole che alla fine hanno portato a il loro destino.

I Raptors hanno perso quattro delle ultime cinque partite. Passano a un record complessivo di 8-10 e sono 6-4 in trasferta. Mercoledì giocheranno la loro ultima partita di questo viaggio sulla costa occidentale, fermandosi brevemente in Indiana prima di tornare a casa.

Ecco un paio di cose da asporto chiave della notte che è stata.

Toronto Raptors Takeaways contro Warriors

2. Scottie Barnes è ancora un novellino

Si è vero. Scottie Barnes è davvero mortale.

Questo non è stato il primo gioco in cui è apparso in quel modo, ma potrebbe essere stato il più ovvio. Per tutta la notte, è sembrato insicuro di sé, mettendo in discussione tutte le sue decisioni e cercando dove inserirsi al meglio. Allo stesso tempo, era anche meno energico del solito, apparendo appesantito dal suo primo lungo viaggio in NBA.

C’è da aspettarselo, però: non solo Barnes è semplicemente un debuttante, soggetto all’inevitabile Rookie Wall e ai crescenti dolori generali di essere un nuovo arrivato nella lega di basket più dura del mondo, ma sta anche giocando un ruolo molto più significativo di quello che ha fatto nella sua ultima stagione universitaria. A Florida State l’anno scorso, ha giocato un totale di 595 minuti. In questa stagione, attraverso 15 partite con Toronto, ha già totalizzato 530 minuti.

“Beh, giocherà molto di più”, ha detto l’allenatore Nick Nurse ai giornalisti dopo la partita. “Giocherà molti minuti. È molto, molto giovane e ha bisogno del tempo in campo per migliorare”.

Oltre a ciò, lo stato di rookie di Barnes significa che sta ancora cercando di capire il suo posizionamento nella gerarchia offensiva della squadra. Il suo talento significa che probabilmente può assumere un ruolo un po’ più grande di quello che ha avuto finora, qualcosa che Nurse ha espresso, ma evidentemente non desidera disturbare i marcatori affermati della squadra, specialmente come qualcuno il cui gioco è basato sull’altruismo regia.

“Penso che fosse un po’ piatto per iniziare, ma ha tenuto duro”, ha aggiunto l’infermiera. “È importante che non abbia lasciato che cavalcasse per tutta la partita. È diventato aggressivo, ha preso un paio di colpi, ha iniziato ad andare al cerchio, e puoi solo dire così tante volte che è più di quello che vogliamo che sembri è prendere e sparare a quelli, perché sono lì a ritmo e se ha la possibilità di aprire una corsia e arrivare laggiù ed essere grande sul cerchione, fallo”.

Contro i Warriors, Barnes ha visto anche molto Draymond Green, il che gli ha fornito numerose esperienze di apprendimento. Qualcosa che, sebbene forse difficile da guardare ora, gli farà bene a lungo termine.

Questo è solo l’inizio del viaggio di Barnes come membro dei Raptors, e sicuramente ci saranno molte altre serate come quella di domenica a venire. Ma ehi, questa è la vita da rookie nella NBA, anche per uno dei migliori.

1. La panchina dei rapaci è in fiore

Una nota positiva, la panchina dei Raptors ha giocato ancora abbastanza bene domenica.

Dopo una prestazione di rimbalzo l’ultima volta, il pino ha fornito 38 punti, con Dalano Banton e Precious Achiuwa in testa e combinati per 19 di quel totale.

“Cerchiamo di entrare, giocare con molta energia, correre su e giù per la pista”, ha detto Achiuwa. In panchina, siamo molto più giovani, quindi entriamo cercando di prendere il ritmo del gioco, giochiamo velocemente, transizioni, giochiamo in difesa, usciamo e corriamo e fondamentalmente portiamo molta energia.

Banton, in particolare, era affascinante. Era probabilmente il miglior giocatore di Toronto al di fuori di Pascal Siakam, entrando nel gioco e fornendo immediatamente la scintilla attraverso un cambio di ritmo per cui è diventato famoso.

Ma non solo ha spostato il gioco in una marcia diversa, lo ha fatto aggiungendo un paio di nuovi elementi, principalmente alcuni jumper lisci fuori dal dribbling, un paio dei quali sono arrivati ​​nella fascia media e un altro da oltre l’arco. Sono stati i complementi perfetti per la sua regia (tre assist), trovando Achiuwa più volte e formando quello che sembra essere l’inizio di una bella chimica a due.

Nonostante i Raptors alla fine abbiano perso la partita di 15 punti, Banton ha chiuso con un più sette in 20 minuti, il punteggio più alto della squadra.

L’affidabilità imprevista di Banton è stata cruciale per Toronto in questa stagione e la vista di un gioco offensivo in espansione dovrebbe far stordire tutti.

El mensaje de Dwyane Wade a LeBron James en la temporada 19

Decir que la superestrella de Los Angeles Lakers LeBron James y el ícono del Miami Heat Dwyane Wade se han convertido en buenos amigos es quedarse corto. El dúo súper condecorado del Salón de la Fama se ha ganado una buena cantidad delogios individuales y de equipo, con siete campeonatos de la NBA y tres oros olímpicos entre los dos. Si bien Wade se retiró en 2019 con el Miami Heat, LeBron todavía está luchando con los Lakers en la liga, aunque actualmente está fuera de juego por una lesión abdominal. En una entrevista alegre entre Wade y Stadium, Wade envía un gran mensaje a su ex compañero de equipo, diciéndole a LeBron que continúe y “haga algo que nadie haya hecho antes”, la entrevista fue compartida por Shams Charania:

En particular, Wade compartió su mensaje a LeBron sobre su propio retiro, en el que le dijo a James: “Vas a jugar tanto tiempo que la gente olvidará que alguna vez jugamos juntos”.

Como LeBron tiene alrededor de 19 años de baloncesto en la NBA en su bolsa, la pregunta de cuándo colgará LeBron siempre lo ha rodeado. Ya sea que LeBron se retire en un futuro cercano, o amplíe sus años de juego hasta los 40, potencialmente vinculándose con su propio hijo Bronny en la liga, LeBron ciertamente ha sido la definición misma de longevidad. Wade tiene razón al decir que LeBron continúa con su carrera de una manera tan dominante nunca antes en la NBA, y como fanáticos del baloncesto, solo podemos abrocharnos el cinturón para lo que el resto del viaje tiene reservado para nosotros.

Tyrese Maxey dei Sixers emerge come forte candidato per Most Improved Player

Anche se i Philadelphia 76ers[canotte basket Philadelphia 76ers poco prezzo] si trovano dalla parte sbagliata di una serie di sconfitte in questo momento, c’è un luccicante positivo del loro recente allungamento: la guardia del secondo anno Tyrese Maxey continua a prosperare nel suo ruolo ampliato.

Il capo allenatore dei Sixers Doc Rivers ha dato a Maxey una grande sfida per quest’anno, e ha iniziato ad ambientarsi bene. Riempire il vuoto lasciato da Ben Simmons non è un compito da poco, ma Maxey ha fatto un lavoro straordinario addolcendo il colpo di essere senza l’ex scelta numero uno.

Ci sono stati alcuni dolori di crescita all’inizio, ma Maxey sembra più a suo agio come playmaker ad ogni gioco di passaggio. Lo stiamo guardando sbocciare lentamente davanti ai nostri occhi. Vedendo come è riuscito a migliorare il suo gioco giocando con parsimonia la scorsa stagione, non sorprende che sia cresciuto rapidamente da quando ha giocato di più a tempo pieno.

A causa dell’aumento del tempo di gioco, Maxey sta registrando i massimi in carriera su tutta la linea per i Sixers. I suoi 17,6 punti, 3,6 rimbalzi e 4,6 assist sono più del doppio delle sue medie della sua stagione da rookie. Con questo drastico aumento della produzione, c’è da chiedersi se l’ex scelta del primo round si troverà nella mischia per il giocatore più migliorato. Potrebbe non essere il favorito, ma fa parte della conversazione dopo queste prime 14 partite della stagione 2021-22.

Alcuni potrebbero provare a screditare il caso di Maxey dicendo che il suo salto statistico è dovuto a un grande aumento dei minuti. Anche se giocare è sicuramente un catalizzatore, ci sono state due aree chiave in cui Maxey ha mostrato grandi miglioramenti.

Rivers avrebbe potuto dare a Maxey le redini del playmaker, ma era più per necessità. Entrando in campionato, è stato etichettato più come una guardia che segna che come un generale. Questo non ha impedito a Maxey di aggiungere una nuova dimensione al suo gioco.

Ci sono stati alcuni problemi di turnover all’inizio, ma Maxey sta iniziando a sembrare un vero playmaker. Nelle ultime cinque partite ha erogato 25 assist e commesso solo quattro palle perse. Maxey attualmente ha un rapporto assist-to-turnover di 3:1, non male per un giocatore che sta ancora trovando la sua strada come facilitatore.

Un altro difetto nel gioco di Maxey che si dirige verso l’NBA è stato il suo tiro dall’esterno. Durante la sua solitaria stagione al Kentucky, la giovane guardia ha sparato sotto il 30% da oltre l’arco. Una bassa percentuale mista a meccaniche che necessitavano di aggiustamenti ha giocato un ruolo in lui che scivolava nella notte del draft.

Vedendo il modo in cui tira la palla ora, non crederesti che il suo tiro sia stato un punto debole. Non solo le sue meccaniche di tiro sono molto più fluide, ma Maxey si connette anche a 3 ad alta velocità. Dopo aver tirato il 30,1% dalla profondità da principiante, ora sta tirando un impressionante 41,3% su poco più di tre tentativi a partita.negozio canotte basket poco prezzo

Maxey ha stabilito la reputazione di un topo da palestra quasi istantaneamente e i risultati del suo instancabile lavoro sono stati in mostra in questa stagione. C’è ancora molta strada da fare, ma il giovane dei Sixers ha sicuramente la possibilità di essere nella mischia per il suo primo riconoscimento da professionista.

L’audace presa di Jrue Holiday di Andre Iguodala avrà sicuramente l’approvazione di Kevin Durant

L’attaccante dei Golden State Warriors Andre Iguodala ha fatto notizia negli ultimi tempi, ma non per il suo gioco in campo. In un’intervista con Sam Amick di The Athletic, Iguodala ha sottolineato quanto sia bravo a credere che Jrue Holiday sia sulla difensiva.

Durante l’intervista, l’attaccante dei Warriors Andre Iguodala afferma che Jrue Holiday è enormemente sottovalutato e che dovrebbe essere un 3 volte vincitore del premio Defensive Player of the Year.

“Puoi scriverlo. Jrue Holiday dovrebbe avere tre Difensori dell’anno (premi) e dovrebbe essere All-Defensive della prima squadra negli ultimi nove anni.

Vincere tre Difensori dell’anno Awards è molto, ma affermare che dovrebbe essere All Defense della prima squadra negli ultimi nove anni consecutivi, che parla davvero di quanto sia alto il rispetto che Iguodala dei Warriors tiene a Holiday. Quando è stato pressato sulla questione, ha portato Kevin Durant nella conversazione.

non mi interessa. Puoi chiedere: chi è il miglior marcatore del campionato? Chi è il marcatore più dotato nella storia del basket… Chiedi a (Durant) chi è la guardia più dura – chi è il ragazzo che gli dà il momento più difficile…
E Kevin Durant è tipo, “Yo, Jrue Holiday è diverso”. Vedi cosa è successo (con il Team USA) alle Olimpiadi quando Jrue Holiday è arrivato? Ma io sono pazzo, vero?”

L’Atletico ha pubblicato le risposte sui social media.

Qualsiasi fan sfegatato dell’NBA sa quanto Jrue Holiday sia bravo in fase difensiva. Ha piedi veloci, può stare davanti a quasi tutti e ha un grande istinto. Ma la sua fisicità è davvero ciò che lo separa. Nell’NBA di oggi, dove tutti hanno le maniere, è diventato molto difficile rallentare i playmaker dopo il dribbling.

Holiday è l’unico ragazzo su cui puoi contare per rinchiudere qualcuno. Anche mentre ha lottato durante le finali NBA in modo offensivo, dall’altra parte del campo si stava dando da fare. Porta l’energia e l’intensità necessarie per dominare ogni notte.

La guardia dei rapaci Fred VanVleet fa ballare “grandi palle” davanti a Sam Cassell dopo un enorme pugnale

I Toronto Raptors si sono allontanati dai Philadelphia 76ers alla fine della partita per fuggire con una vittoria per 115 – 109. Nonostante l’aumento tardivo della squadra di casa, la squadra guidata da Nick Nurse ha tenuto duro grazie a tre enormi dalla loro zona difensiva iniziale di Fred VanVleet e Gary Trent Jr.

Dopo il pugnale tre di VanVleet dall’angolo, il playmaker si è divertito un po’ con i suoi compagni di squadra. Mentre stava tornando in panchina, VanVleet ha festeggiato le “palle grandi”, con grande gioia della panchina dei Raptors. (tramite Rob Perez)

Stranamente, il capostipite di questa celebrazione, Sam Cassell, era qui per assistere a questo momento. Cassell fa ora parte dello staff tecnico dei Sixers e l’ex playmaker operaio ha guardato come VanVleet ha ghiacciato la partita per i Raptors. Dopo la partita, VanVleet è andato alla panchina dei Sixers per stringere la mano a Cassell.

È tutto divertimento e giochi in questo momento per Fred VanVleet, ma la guardia dei Raptors potrebbe guardare ad alcune ripercussioni per tirare fuori la danza dei “palloni”. Come ha notato Bobby Marks in una risposta ai tweet di cui sopra, l’NBA ha una storia di multe ai giocatori che hanno fatto questo ballo. Tuttavia, la guardia dei Warriors Klay Thompson è stata in grado di farla franca facendo questo contro i Raptors nelle finali del 2019, quindi forse FVV può sfuggire alle multe qui …

Tuttavia, sarà interessante vedere se la lega manterrà la loro regola e multerà VanVleet per le sue azioni. Un peccato se lo fanno bene, dal momento che è una celebrazione così esilarante. La guardia dei Raptors non perderà il sonno per questo, però: FVV è stato in lacrime per i Raptors in questa stagione, con una media di 18,7 punti a partita insieme a 7,1 assist e 5 rimbalzi su 42/38/81 tiri. L’uomo è in missione per entrare a far parte della squadra All-Star e le piccole multe per una celebrazione innocua non lo faranno deragliare.